Turismo per famiglie: I Family Hotels

Il mondo del turismo, si sa, si sta specializzando sempre di più, offrendo servizi mirati ad ogni tipo di clientela. E’ bene quindi essere molto chiari e decisi su quale sia il tipo di turista che si vuole attrarre nella propria struttura ricettiva, per poter subito pensare ad un programma mirato che colpisca nel segno.
Un settore che nonostante la crisi continua a macinare numeri è il turismo per famiglie, su cui varrebbe la pena pensare di investire. I numeri parlano chiaro: secondo i dati raccolti nel 2014 dall’Osservatorio del Turismo Giovanile, oltre 5 milioni e 200 mila famiglie si sono spostate per recarsi in luoghi di villeggiatura, un numero certo non irrisorio.
Questo studio fornisce anche altri dati interessanti, per esempio che le località balneari vincono ancora come meta preferita (62%) o che l’età dei figli influenza la scelta della meta (se i figli sono più piccoli si preferisce la montagna, se sono più grandi invece le città d’arte).
Al di là di questi dati però, ci sono dei fattori che prescindono la località e che sono legati ai servizi offerti, servizi che sono sempre più considerati obbligatori dalle famiglie in viaggio.

Cosa vogliono le famiglie?

  • Intrattenimento. Andare in vacanza con dei bambini può essere molto impegnativo per i genitori, quindi strutture ricettive specializzate in turismo per famiglie che offrano un servizio di intrattenimento per grandi e piccini sono molto apprezzati. Spesso quando la famiglia arriva in una località non ha un’idea precisa delle attività a cui può partecipare, delle iniziative organizzate nel luogo scelto per la vacanza, dei posti più belli da andare a visitare, quindi si apprezzano molto gite organizzate dall’hotel o dall’agriturismo. Possono essere escursioni accompagnati da una guida, attività interattive per i più piccoli alla scoperta di luoghi caratteristici o di animali, avventure organizzate specificatamente per i più piccoli. Momenti per tutta la famiglia da conservare come un ricordo positivo della vacanza e della struttura ricettiva, che crea anche un legame con gli ospiti.
  • Tempo dedicato ai bambini. Spazi e personale messi a disposizione dall’hotel ad uso esclusivo dei piccoli ospiti. Una stanza per i giochi, una piscina dedicata a loro dove possono divertirsi senza disturbare gli adulti, soprattutto in strutture che già possiedono una spa o una piscina all’aperto. Da questo punto di vista l’animazione è un servizio molto apprezzato, che sia esso esterno (quindi fornito da un’agenzia specifica assunta dall’hotel) o interno, quindi con personale dello staff. In questo modo si da ai genitori la possibilità di rilassarsi in solitaria, sapendo che i propri figli sono al sicuro e si stanno divertendo. Si possono organizzare piccoli corsi di cucina con pizza o biscotti, feste mascherate, giochi e serate musicali, qualsiasi cosa la vostra fantasia vi suggerisca.
  • Servizi aggiuntivi. Niente fa sentire le famiglie benvenute come sapere di avere servizi esclusivi dedicati a loro. Dal pulmino che va a prenderle e le porta sulle piste da sci o un maestro sempre a disposizione, se si tratta di una località di montagna, corsi di nuoto specifici per ogni età se si trovano al mare, un menù specializzato per i bambini, l’utilizzo gratuito di attrezzature per fare sport, come bici e passeggini o trovare in hotel tutto l’occorrente per prendersi cura dei più piccoli in modo da poter viaggiare più leggeri (soprattutto se si arriva in aereo) come scaldabiberon, sterilizzatore, braccioli, ecc.

Ci sono molti hotel che già adottano questi accorgimenti, hotel che hanno deciso di puntare sulla famiglia come core business della propria attività. Sono nati infatti molti consorzi e siti dedicati al turismo per famiglie e alle strutture che pongono una particolare attenzione sul farle sentire a casa, uno di questi è per esempio Italy Family Hotels, che riunisce dal 2001 strutture alberghiere a conduzione familiare che hanno in comune la capacità di offrire ai propri ospiti, prima ancora che una vacanza rilassante e ricca di attività, un’atmosfera che profuma di casa e di tutte quelle piccole cose che nascondono il lusso della giusta dimensione. Qui si possono trovare tanti hotel in tutta Italia, ognuno dei quali ha standard ben precisi da dover rispettare per poter rientrare nella categoria di “family hotel”, una sorta di portale per famiglie dove scegliere in sicurezza e tranquillità una vacanza ad hoc, con la certezza dei servizi forniti dalle strutture. E, cosa molto importante, senza alcun costo di commissione. turismo per famiglieI servizi sono infiniti, e aumentano con l’aumentare della classificazione dell’hotel stesso, come se fossero le stelle normali, ma pensate per i bambini e chiamate Bino. Tre Bino, quindi, la classificazione minima, prevede per esempio un regalo di benvenuto per i bambini, quattro ore di animazione al giorno, uno spazio giochi, un menù specifico e cene a tema.
Più i “bino” aumentano più aumentano i servizi offerti (sempre compresi nel prezzo), come massaggi e trattamenti spa specifici per bambini, una piscina riscaldata solo per loro o una sala da pranzo dedicata ai più piccoli.
Questo portale offre poi anche una sezione travel blog, dove ci sono curiosità sulle varie destinazioni, articoli con consigli su cosa portare e cosa serve quando si affrontano viaggi con dei bambini e tanti altri articoli dedicati alla famiglia. Tutti possono entrare a far parte di questa rete, contattando direttamente il sito e adeguandosi agli standard richiesti.

In conclusione possiamo dire che investire sul turismo per famiglie è una scelta che paga, è un turismo senza i ritmi frenetici ma caratterizzato da un senso di appartenenza, immaginato un pò come un’oasi di benessere per tutta la famiglia, dove scoprire e riscoprirsi, e potersi sentire a casa anche lontano da casa.

Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *