Il viaggiatore consapevole: 10 regole fondamentali

Il nuovo viaggiatore, anche definito viaggiatore consapevole, si differenzia dal concetto classico di turista. Mentre per il turista la motivazione del viaggio è generalmente un tentativo di fuga dalla quotidianità e di ricerca di relax, per il viaggiatore è la ricerca di un rapporto più profondo con ciò che visita e con le popolazioni locali, diventando protagonista attivo e consapevole. Il turismo di massa tende ad “usare” i luoghi, il turismo consapevole pensa alla loro valorizzazione. Questa nuova definizione del viaggiatore consapevole, non si caratterizzata più dal volere vivere solo un’emozione ma dal voler tornare a casa con un’esperienza.

Ecco le 10 regole che un viaggiatore consapevole dovrebbe seguire:

informati sul viaggio

  1. Informati prima e durante il viaggio. Ricerca più informazioni possibili sul paese che stai per visitare, attraverso libri, guide o documentari. Scegli tour operator che abbiano progetti legati alle politiche e alle comunità ambientali. Prendi le opportune precauzioni per la salute e la sicurezza. Impara qualche parola base nella lingua del paese che andrai a visitare. Sul posto, parla con i locali e fatti raccontare della cultura e delle tradizioni del paese.
  2. Utilizza trasporti eco-sostenibili. Per i viaggi più lunghi, utilizza il più possibile treno o autobus al posto dell’aereo. Sul posto, evita il taxi o la macchina. Preferisci gli autobus locali, la bicicletta o i propri piedi.
  3. Rispetta i costumi e le tradizioni locali. Osserva le leggi, le normative nazionali e rispetta i diritti umani. Indossa un abbigliamento consono, soprattutto nei luoghi di culto. Nei paesi più poveri, evita di mostrare segni di ricchezza evidente come orologi, gioielli e borse firmate.
  4. Sii un viaggiatore rispettoso. Proteggi l’ambiente naturale e non deturparlo, raccogliendo ricordi nè dai parchi naturali nè da siti archeologici. Non lasciare in giro i tuoi rifiuti e non sprecare acqua ed elettricità: ricordati di chiudere sempre i rubinetti e di controllare di spegnere luci e aria condizionata.  sii un viaggiatore rispettoso
  5. Proteggi la flora e la fauna. Acquista prodotti locali che non siano realizzati con piante o animali in via di estinzione.
  6. Evita l’elemosina. In un paese sottosviluppato, ti troverai spesso circondato da bambini che chiedono soldi e sarà difficile dire di no. Cerca di non fare l’elemosina, contribuirai solo ad allontanare i più giovani dalla scuola. Piuttosto, proteggi i bambini dagli sfruttamenti e se vuoi donare dei soldi, fallo attraverso associazioni umanitarie riconosciute.
  7. Supporta l’artigianato locale. Compra oggetti di artigianato locale oppure oggetti e servizi i cui proventi rimangano alla comunità. Aiuterai così a contribuire all’economia del paese a al turismo comunitario. Prova la cucina locale e non “pretendere” i prodotti ed il cibo a cui sei abituato.
  8. Chiedi se puoi scattare una fotografia. Ti capiterà di voler catturare un momento o un sorriso con la tua macchina fotografica, ma ricorda che gli abitanti del luogo non sono animali. Chiedi il permesso prima di scattare una fotografia.
  9. Fai una vacanza-volontariato. Questo tipo di vacanza vede come protagonisti soprattutto i giovani. Partire per aiutare un popolo lontano è un’idea bellissima, ma è importante far attenzione a scegliere il programma giusto di volontariato responsabile. Un esempio perfetto di turismo responsabile a costo zero, è l’idea che ha avuto Wwoof (World wide opportunities in organic farm), dove in cambio di ospitalità si offre aiuto in una fattoria.; un modo di viaggiare alternativo dal quale si può imparare molto.
  10. Il viaggio non finisce tornando a casa. Rifletti su cosa hai visto e su chi hai incontrato. Se possibile, mantieniti in contatto e rispetta gli impegni che hai preso con la gente locale. Condividi le informazioni che hai raccolto, così che il viaggio non rimanga solo un’esperienza individuale, ma che possa influenzare le scelte di amici e diffondere l’idea che chiunque può essere un viaggiatore consapevole. chiedi per scattare una fotografia

 


FONTI:

Se sei interessato a sapere la classifica del Travel & Tourism Competitiveness Report leggi questo post.
Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *