I nuovi tecnici dell’industria turistica

Con l’evoluzione del mercato si sviluppano nuove competenze necessarie per tenere le attività imprenditoriali in un tessuto economico sempre più globalizzato.

In particolare nel settore dei servizi turistici, sono nate delle figure professionali internazionali che vanno dal digitale alla gestione della performance della destinazione turistica e del personale manageriale.

Di seguito si elencano e descrivono i nuovi tecnici dell’industria turistica sempre più specializzata per un servizio personalizzato.

  • Personal Eco-trainer, si tratta di un allenatore che segue i turisti delle strutture ricettive sostenibili in un programma di attività fisica all’aria aperta e a corpo libero accompagnato da un’alimentazione strettamente biologica e locale che si abbina al servizio di ristorazione prescelto.
  • Travel designer è il disegnatore dei viaggi che ha una conoscenza approfondita di una destinazione turistica ed è in grado di modellare l’itinerario in base a specifiche esigenze del turista.
  • Destination developer, è colui che si occupa dello sviluppo della destinazione che mette in accordo enti pubblici con l’interesse turistico delle aziende locali e collabora per l’applicazione del sistema di gestione della destinazione turistica.

 

Come si diventa tecnico dell’industria turistica?

Le competenze professionali vengono indirizzate da percorsi di formazione strutturati e analizzate sistematicamente da un cosiddetto bilancio delle competenze che riprogetta il percorso di studio e le esperienze lavorative.

Ogni tecnico elencato ha rinnovato le competenze e applicate a dei contesti più specifici come può essere il nutrizionista che analizza l’alimentazione di un Paese per un vegetariano che si reca in una destinazione per fare un determinato tipo di turismo enogastronomico.

 

Mi soffermo alla guida turistica, come una figura professionale che da sempre esiste e oggi in un linguaggio internazionale incontriamo il Lander trip o il Tour manager.

Ma cosa cambia?

Non cambia solo la denominazione dell’operatore turistico ma è una rigenerazione delle tecniche cui si avvale il professionista per lavorare al presente tempo dell’economia verde, dell’economia condivisa e soprattutto della digitalizzazione dei servizi.

Si parte da un’accoglienza digitale (sito web o pagina Facebook) sino ad arrivare alla gestione delle emozioni che prova il cliente quando usufruisce il servizio.

E non finisce qua.

Si occupa persino dei loro ricordi per questo viene definito anche gestore delle esperienze in quanto capace di creare emozioni.

Negli ultimi dieci anni, risulta maggiormente definito il servizio turistico offerto dai veri e propri tecnici dell’industria turistica che vanno incontro alle esigenze di una domanda in crescita di anno in anno. Si sviluppano in qualsiasi ambiente dove c’è un’attrazione di una certa rilevanza storica, basti pensare alla guida turistica subacquea archeologica.

 

Approfondimento sulle competenze richieste dal mercato del lavoro turistico.

Dalla ricerca condotta dall’Istituto per il Futuro (ITFTF) che da 45 anni indentifica i trend emergenti del mercato del lavoro nell’era della globalizzazione con la collaborazione dell’Istituto di ricerca dell’Università di Phoneix, ritengo opportuno identificare le principali abilità utili per un settore interdisciplinare come il turismo.

Tra le tante incontriamo due competenze applicate e sviluppate in diverse occasioni durante le riunioni del Master:

  • Cross-Cultural competency, ossia l’abilità di operare in diversi contesti culturali.
  • Virtual collaboration, la capacità di lavorare virtualmente collaborando con un gruppo di    utenti presenti in una piattaforma online (Slack , Trello)
  • Transdisciplinarity, osservare fenomeni del settore turistico da più aspetti disciplinari.

È evidente come il settore è fortemente internazionalizzato e soprattutto influenzato dalla globalizzazione che spinge le persone a recarsi in luoghi dove è presente un contesto culturale e sociale differente.

Ricerca scaricabile in pdf
future work skills 2020 

 

Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *