Giornate europee e nazionali dedicate ai musei

Le giornate dedicate ai musei nascono con uno scopo promozionale e turistico nel senso migliore del termine: far conoscere a molte persone quei luoghi della cultura che talvolta vengono ancora visti come noiosi e polverosi. Ovviamente solo da chi non ci entra.

Alcune sono specificatamente italiane, altre europee, in parte sono ancora poco note e meritano di veder crescere i propri numeri. Ho raccolto qui le più importanti, perché siano da stimolo per i visitatori singoli per organizzarsi un weekend culturale e per le agenzie di viaggio per cogliere degli spunti su nuovi luoghi da visitare o su cosa vedere in un museo ben noto.

Giornata Nazionale dei Piccoli Musei: organizzata dall’Associazione Piccoli Musei, fondata da uno dei relatori del nostro Master, il Prof. Dall’Ara. Ogni giorno ed ogni momento sarebbe buono per visitare un piccolo museo, ma non sempre è possibile: talvolta aprono solo la domanica o su prenotazione, ma in quest’occasione si può ascoltare la spiegazione di una guida e talvolta accedere a raccolte particolari. Lo scopo principale è proprio far conoscere chi non ha le forze di farsi grande pubblicità, anche se la meriterebbe… e poiché in un piccolo museo si viene accolti come in una casa di amici, si riceve anche un dono! Per segnarvi la data dell’anno prossimo: http://www.piccolimusei.com/ e Facebook: Associazione Nazionale Piccoli Musei (APM)

Dipinti di Panini che mostra un salone pieno di dipinti sulla Roma antica
Giovanni Paolo Panini – Roma Antica

F@mu – Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo: quest’anno siamo alla quinta edizione e cade l’8 ottobre. Nata da un’idea di KidsArtTourism, ha l’obiettivo di avvicinare le famiglie con bambini ai musei, oltre a “mettere in mostra” il talento di molti operatori didattici che quotidianamente accolgono le scuole. Il maggior risultato di quest’evento, e lo dico avendoci vissuto dentro, è che genitori, nonni, zii e figli, nipoti, amici ed amichetti passino del tempo insieme in modo intelligente e coinvolgente, portandosi a casa un bel ricordo e traendo spunti per altri pomeriggi creativi. Per maggiori informazioni: http://www.famigliealmuseo.it/ Facebook: FAMu

Giornata del paesaggio: promossa dal Mibact, poichè l’ambiente è uno dei punti da tutelare costituzionalmente. La bellezza del paesaggio è uno di quegli spettacoli in cui all’Italia “piace vincere facile”: davanti ad un tramonto a Capri o tra la neve delle Dolomiti, chi non s’innamora immediatamente? Eppure servono momenti come questo per parlare della conservazione e delle modifiche avvenute storicamente sul nostro territorio.

Giornate europee del patrimonio: si sono festeggiate il 23 e 24 settembre all’insegna dell’hashtag #culturaenatura. Queste giornate che riuniscono vari paesi della comunità europea sono ormai “adulte”, perché nate nel 1991, ma cercano sempre di rinnovarsi nel tema. Sono il weekend perfetto per chi è curioso: con percorsi dedicati in musei, archivi e siti archeologici, bisognerà stilare una tabella di marcia durissima per godere appieno di tutto il patrimonio che si desidera.

Giornate Nazionali dei Musei Ecclesiastici: ormai alla quinta edizione, si terranno 21 e 22 ottobre. Vengono organizzate da AMEI, l’Associazione dei Musei Ecclesiastici Italiani, con lo scopo di promuovere questa categoria particolare di luoghi della cultura, che raccolgono le bellezze e le memorie di santuari, diocesi, cattedrali, e che svelano sempre molto sulle comunità locali. Si tratta sempre di piccole perle museali, molto emozionanti e che raccontano non solo l’arte dei grandi nomi, ma anche tutto quell’artigianato “prezioso” dei settori orafi e tessili che abbellisce le celebrazioni religiose. Per maggiori informazioni: http://www.amei.biz/, Facebook: AMEI – ASSOCIAZIONE MUSEI ECCLESIASTICI ITALIANI

Invasioni digitali: immaginate gruppi di ragazzi armati di smartphone e macchine fotografiche che conquistano ogni genere di luogo culturale e naturale, per giunta mascherati da alieno pixelato… Questa è senz’altro la giornata più divertente di tutto l’anno e quella che ha maggior riscontro sui social, s’è ben guidata ad usare l’hashtag adatto. Per le prossime date: http://www.invasionidigitali.it/, Facebook: Invasioni Digitali (da seguire tutto l’anno)

Dipinto di Panini che mostra un salone pieno di dipinti con i monumenti della Roma moderna (cioè dopo il Medioevo)
Giovanni Paolo Panini – Roma Moderna

Giornata del contemporaneo: l’AMACI (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani) ha dichiarato sabato 14 ottobre la Tredicesima Giornata del Contemporaneo, aprendo gratuitamente molti musei e sedi espositive, con percorsi dedicati al presente. Si tratta forse della meno nota tra queste giornate, ma è un’ottima occasione per vedere un luogo che può intimorire come una galleria d’installazioni senza la paura del biglietto. Vi può anche capitare di finire “per sbaglio” in un giardino splendido in mezzo ai palazzi, il PAV a Torino.

Domenica di carta: la giornata dedicata ad archivi e biblioteche quest’anno è l’8 ottobre, in contemporanea con il F@mu. Promossa dal Mibact per valorizzare “i monumenti di carta”, quelli più difficili da vedere liberamente e che va sfruttata con grande attenzione, perché ogni ente ha orari ed esposizioni diversi. Convincere folle di archivisti e bibliotecari a levarsi di dosso un po’ di polvere ed aprire una domenica i loro tesori non è mica roba da tutti!

In quest’elenco manca volutamente la prima domenica del mese (#DomenicalMuseo), in cui i musei statali aprono gratuitamente le proprie porte. Per due motivi: non è sempre facile per il visitatore capire quali sono gli enti che aderiscono (ed in occasione di mostre se queste sono incluse o no) e finiscono per diventare, nei musei grandi, un’occasione di file interminabili e di visite troppo affollate, mentre nei musei piccoli sarebbe meglio lasciare comunque un’offerta, perché ne hanno bisogno. E se la meritano.

Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *